ESAMI DI MATURITA’ ALLE PORTE: CODACONS LANCIA UN APPELLO: NO AI FARMACI “PER LA MEMORIA”

STOP ALLA PUBBLICITA’ DEI FARMACI DA BANCO

Tra una settimana, mercoledì 20 giugno, inizieranno gli esami di maturità. Il Codacons lancia un appello contro l’uso e l’abuso di farmaci “per la memoria”. E’ noto, infatti, che non esistono farmaci che aumentano la capacità di concentrazione o favoriscono la memoria. Inutile, quindi, che si sprechino soldi in farmacia nel tentativo inutile di aumentare le prestazioni scolastiche. Nella migliore delle ipotesi sono prodotti assolutamente inutili, nella peggiore dannosi. Purtroppo le industrie farmaceutiche ed i farmacisti, che hanno lauti guadagni dalla vendita di questi prodotti, non hanno interesse a mettere in guardia il cliente dall’uso improprio di queste sostanze. Così il consumatore, spesso mamme in apprensione, finisce per spendere soldi inutilmente.

Il Codacons ritiene inoltre che debba essere vietata per legge la pubblicità sui farmaci da banco. Troppo spesso si tratta pubblicità ingannevole che esalta a dismisura le capacità curative del farmaco, senza illustrare gli effetti collaterali e le controindicazioni, se non con frasi generiche ed approssimative.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInCondividi

CASSANO: IL CODACONS LANCIA AZIONE COLLETTIVA CONTRO IL CALCIATORE

CHI SI SENTE OFFESO DALLE SUE DICHIARAZIONI OMOFOBE PUO’ CHIEDERE I DANNI

Non sono bastate al Codacons le scuse di Antonio Cassano giunte dopo le gravi dichiarazioni di ieri contro gli omosessuali. Al punto che l’associazione annuncia oggi una azione collettiva risarcitoria nei confronti del calciatore.

Tutti gli omosessuali che si sentono offesi e danneggiati dalle affermazioni di Cassano, possono agire legalmente chiedendo al calciatore un risarcimento per il danno morale subito – spiega il Codacons – In tal senso il nostro ufficio legale si mette a disposizione dei singoli e delle associazioni gay di tutta Italia, allo scopo di intentare una azione collettiva nei confronti del giocatore.
Al di là delle scuse, che peraltro apparivano obbligatorie, le affermazioni di ieri di Cassano non solo sono atte a ledere la dignità degli omosessuali, ma possono risultare addirittura pericolose. Ciò – afferma l’associazione – non tanto per il loro banale contenuto, quanto perché provenivano da un campione di calcio, seguito e imitato dai ragazzini e tifosi in tutto il mondo.

Codacons contro l’IMU

Il Codacons se da un lato ha deciso di aiutare i cittadini alle prese con l’Imu, dall’altro ha notificato proprio oggi un ricorso al Tar del Lazio in cui si chiede di bloccare i provvedimenti che hanno introdotto l’imposta in questione, partendo dalle delibere comunali di tre città: Roma, Catanzaro e Napoli.

Nel ricorso si contesta innanzitutto come l’Imu, che è una “tassa di scopo”, sia stata decisa contro la legge e senza la previa individuazione delle precise opere pubbliche che l’imposta dovrebbe andare a finanziare, in palese violazione della normativa vigente. Il Codacons contesta poi il fatto che l’Imu vada a colpire, senza alcuna distinzione, ogni possessore di immobile, senza tenere conto della reale “capacità contributiva”, spesso decisamente bassa come nel caso di soggetti titolari di pensione e/o precari. Violato anche l’art. 47 della Costituzione Italiana, dal momento che l’imposta non solo costituisce un deterrente per l’accesso al risparmio popolare ma lo impedisce del tutto per coloro che sono proprietari di beni immobili.

“I provvedimenti impugnati – scrive il Codacons nel ricorso – devono ritenersi del tutto illegittimi in quanto lesivi dei primari principi costituzionali di imparzialità e di buon andamento dell’attività e dell’organizzazione amministrativa, laddove impedisce di fatto “l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione “. Sia a livello statale che locale i provvedimenti ledono gravemente i diritti primari dell’individuo, che nella maggior parte dei casi si vedranno costretti a vendere i propri beni, magari alle Banche, che nonostante siano proprietarie di immobili prestigiosi sono esenti dal pagamento dell’IMU! Per quanto esposto appare evidente come l’IMU debba considerarsi un illegittimo prelievo coattivo, per la ragione che non considera la “capacità contributiva” del cittadino”.

SE IL GOVERNO TOGLIE, IL CODACONS DA’!

Nasce il Centro di Assistenza Fiscale del CODACONS…

… ovviamente a misura di cittadino e A COSTO ZERO
(per il 730 e gli altri servizi sotto indicati!)

E IL CODACONS TI REGALA UN ANNO DI ISCRIZIONE VERSANDO IL 5 X 1000 ALL’ASSOCIAZIONE

Ogni utente è, prima ancora che consumatore, un contribuente (lo sappiamo bene!) e come tale ha bisogno di un centro servizi che lo aiuti materialmente, e quanto più a basso costo, a barcamenarsi tra le numerose incombenza burocratiche: Modello Unico, Modello730, Isee, Iseu e simili.

Dopo anni al fianco dei cittadini, nelle piccole battaglie quotidiane contro gli abusi e nelle rivoluzionarie azioni giudiziarie collettive, il CODACONS ha deciso di fornire tutti i servizi essenziali di assistenza fiscale in prima persona senza far spendere neanche una lira agli utenti.

Il governo, come al solito d’altronde, vi mette le mani in tasca e noi ci mettiamo la faccia

La scelta di affacciarci, proprio oggi, in questo settore non è ovviamente casuale: il governo Monti, senza entrare nel merito di valutazioni già sviluppate in altri contesti, sta infliggendo un duro colpo ai nostri risparmi e mai come in questo periodo storico è necessario “avere i conti in regola”. Ognuno di noi, perciò, farebbe meglio ad avvalersi dell’ausilio di personale qualificato. Da questa riflessione l’Associazione ha tratto spunto per una nuova sfida che prende le mosse, solo ed esclusivamente, dall’impegno pluridecennale al fianco degli utenti.

Tra” i cittadini non più solo al loro fianco, come abbiamo fatto fin ora

Per gli associati un’occasione in più per avvalersi dei nostri professionisti e testarne ancora una volta (se ce ne fosse davvero bisogno) la serietà, per chi si avvicina per la prima volta la possibilità di avere in regalo la tessera della prima Associazione italiana dei consumatori ed imparare a conoscerci.

ASSISTENZA GRATUITA COMPLETA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO730 (IL DOCUMENTO REDDITUALE PiÙ DIFFUSO)

Ecco tre buoni motivi per avvalerti del nostro Centro:

1. L’attività di assistenza fiscale è completamente gratuita basta solo destinare al CODACONS il 5×1000 oltre che per i soci aggregati dell’Associazione;

2. Garantiamo assoluta riservatezza sui dati personali che vengono trattati

3. Presentando la dichiarazione Modello730 al nostro CAF ottieni il rimborso dell’imposta e/o contributi versati in più sulla retribuzione di Luglio.

Se non è abbastanza saranno i nostri molteplici servizi ad avvicinare i contribuenti al nostro Centro, oltre alla predisposizione dei Modello730 (per lavoratori dipendenti o pensionati), infatti, possiamo provvedere alla compilazione di UNICO, ISEE, RED e ogni altra necessità fiscale di sorta.

Servizi e costi

–    Modello730. Assistenza alla compilazione e trasferimento gratuiti;

–    IMU, F24 e Modello Unico. Assistenza alla compilazione e trasferimento sottoscrivendo la tessera da socio aggregato dell’Associazione al costo di 10 euro.

–    ISEE, ISEEU, RED, DETRAZIONI. Compilazione, assistenza e trasferimento tutto rigorosamente gratuito.

Non sai se puoi fare la tua dichiarazione tramite il comune Modello730? La risposta è affermativa se sei:

  • Lavoratore dipendente o pensionato
  • Se percepisci indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente ( quali il trattamento di integrazione salariale, l’indennità di mobilità, ecc..)
  • Se sei socio di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca
  • Se sei un sacerdote della Chiesa cattolica o giudice costituzionale, parlamentare nazionale o titolare di cariche pubbliche elettive (consigliere regionale, provinciale, comunale ecc..)
  • E sei soggetto impegnato in lavori socialmente utili
  • Se sei un lavoratore con contratto di lavoro a tempo determinato per periodo inferiore all’anno puoi presentare il Mod. 730 al CAF solo se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio e conosci i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio
  • Se appartieni al personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato che duri almeno dal mese di settembre al mese di giugno dell’anno successivo
  • Se possiedi soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa (art. 50, c.1, lett. C-bis del tuir) almeno nel periodo compreso tra giugno e luglio e conosci i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio
  • Se sei produttore agricolo esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (Mod. 770 semplificato e ordinario), IRAP e IVA

Per la compilazione della tua dichiarazione MOD.730, ovviamente, abbiamo bisogno della dichiarazione dei redditi mod.730 o UNICO (ex 740) presentata nell’anno precedente e del codice fiscale del coniuge e di tutti i familiari a carico (anche se maggiorenni). Oltre alle certificazioni reddituali dell’anno relative a: redditi di lavoro dipendente, collaborazioni coordinate continuative, lavori a progetto (CUD), redditi di pensione italiane (CUD) o estere, redditi di cassa integrazione, disoccupazione, mobilità, infortunio, maternità, redditi percepiti da fallimenti, borse di studio, assegno TBC, redditi percepiti da privati (es. collaboratori domestici), redditi diversi assoggettati a ritenuta d’acconto (es. collaborazioni occasionali, diritti d’autore), redditi di capitale quali utili da partecipazioni (Mod. CUPE) e redditi assoggettati a tassazione separata. Devi anche erudirci in merito all’esistenza di avvenuto rogito o atto di successione di immobili acquistati, venduti o ereditati con tutti i relativi dati catastali; all’ultima dichiarazione ICI; alle ricevute di versamento ICI dell’anno precedente  fabbricati e terreni (bollettini o delega F24) e all’importo del canone d’affitto per tutti i fabbricati locali. Oltre ad acconti ed eccedenze da precedente dichiarazione (come acconti Mod. F24, se versati direttamente, o Mod. CUD, se presentato Mod.730 anno precedente, ed eccedenze Mod. UNICO anno precedente o Mod.CUD, se presentato Mod.730 anno precedente.

Per saperne di più e conoscere la documentazione necessaria ai nostri consulenti per fornire un’adeguata assistenza scrivete ad caf@codacons.info chiamate il numero unico nazionale CODACONS 892.007 (Rete fissa scatto 30 cent al minuto 76 cent, Tim scatto 16 cent al minuto 94 cent, Vodafone scatto 16 cent al minuto 94 cent, Wind scatto 15 cent al minuto 97 cent,Tre scatto 31 cent al minuto 2,59 euro, i prezzi esposti sono comprensivi di IVA )